Cai Valmalenco Club Alpino Italiano – Sezione della Valmalenco

7Set/180

Domenica 7 Ottobre 2018 – Val di Fex – Engadina

Il CAI Valmalenco organizza per il 7 Ottobre 2018 la gita in Val di Fex per visitare la cava dove i giovellai malenchi lavorarono per diversi anni in condizioni estreme.

CaiValmalenco Val di Fex - Informazioni Utili

I cavatori che lavoravano presso le antiche cave di serpentino al Giovello, misero a frutto le loro conoscenze e abilità oltre confine, in Val Fex, nel comune di Sils Maria. In questa località, a oltre 2000 mt. di quota, esisteva un’antica cava da secoli dismessa, dal cui materiale estratto, una sorta di quarzite, si ricavavano tegole simili a quelle di serpentino estratte e lavorate in Val Malenco.
Fu per iniziativa di un imprenditore Malenco che, durante i primi decenni del ‘900, la cava fu riattivata, in società con l’impresa Kuhn di Sils. Fu così che per parecchi decenni, numerosi giovellai presero a recarsi in Val Fex, attraverso il Passo Tremoggia, presso quella cava originata da una vasta ganda, nei pressi dell’Alpe Sils, a cui essi diedero il semplice nome di Vì la ganda.

La fillade della cava di Fex (uno stadio del metamorfismo tra l'ardesia e i micascisti, in tedesco Quarzphyllit), possedeva una caratteristica singolare, quella cioè di scindersi solamente a temperature molto basse, alcuni gradi sotto lo zero. Questo faceva sì che il lavoro di estrazione poteva essere eseguito solamente in inverno, a partire da novembre. Dai grossi blocchi di pietra estratti, si scindevano, con la tipica tecnica adottata per le piode malenche, grandi lastre, non altrettanto sottili come queste ultime, e tuttavia molto utilizzate in Engadina per la copertura dei tetti.

In quei quattro mesi di permanenza alla cava di Fex i giovellai malenchi conducevano una vita molto difficile e quasi isolati dal resto del mondo. Tutto ciò non rappresentò tuttavia un impedimento per i malenchi i quali, in epoche di forte crisi economica, durante le due guerre mondiali e nell’immediato dopoguerra, trovarono nel lavoro in Val Fex, un’occupazione ben remunerata e non troppo lontano da casa. L’estrazione dalla cava di Fex cessò nel 1964.

Informazioni
In base al numero di iscritti si deciderà se organizzare un pulmino oppure servirsi di mezzi propri pertanto, per motivi organizzativi, chiediamo agli interessati di iscriversi entro il 30 Settembre 2018.

Per info/iscrizioni
Scrive a caivalmalenco@gmail.com oppure chiamare il 3357650452

Inserito in: News Lascia un commento
Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.